Fail2Ban to protect various server types from intrusions


Posted: settembre 24th, 2013 | Author: Francesco Apollonio | Filed under: Administration, English, Guide, Howto, recensione | Tags: , , , , , , , , , | No Comments »


It’s quite normal to see some ip addresses that try to connect to my ssh server with bruteforce attacks. Fail2Ban is the solution to block these attacks.

Setup it’s very easy:

aptitude install fail2ban
cd /etc/fail2ban
sudo cp jail.conf jail.local

now we can edit jail.local to change the default configuration.

to enable email notifications, we have to change the line:

action = %(action_)s

with

action = %(action_mw)s

everything is configured right now, you will receive an email notification for each attack blocked.

 


simulate keyboard/mouse input


Posted: settembre 23rd, 2013 | Author: Francesco Apollonio | Filed under: English, Guide, Howto | Tags: , , , , , , , , | No Comments »


The program that you have to use to do what’s in the subject is: xdotool

eg. xdotool key –clearmodifiers –window `(xdotool search –classname Navigator | head -1)` ctrl+alt+p


Debian Jessie 64 bit and Skype 4.2 problems


Posted: settembre 20th, 2013 | Author: Francesco Apollonio | Filed under: Bug, English | Tags: , , , , , , , , , , | No Comments »


Does skype glitch, skip or do you hear cracklings?

Edit /etc/pulse/default.pa and turn the Timer-based scheduler off, changing the line:

load-module module-udev-detect

to

load-module module-udev-detect tsched=0

 


How QEMU works – Chapter 1


Posted: maggio 20th, 2013 | Author: Francesco Apollonio | Filed under: English, Guide, QEMU, Virtualizzazione | Tags: , , , , , | No Comments »


I’ve worked a lot with QEMU some months ago and I’ve learned some tricks that maybe can be useful for someone. Before starting this is the list of the arguments which will be treated in the future articles

  1. QEMU introduction
  2. TCG helpers
    TCG variables
    TCG caches
  3. QEMU parameters
    QEMU RAM functions
  4. ARM semihosting Read the rest of this entry »

Ecco perché Google Hangouts è migliore di Whatsapp


Posted: maggio 17th, 2013 | Author: Francesco Apollonio | Filed under: recensione | Tags: , , , , , | No Comments »


Sto usando Hangouts da un secondo dopo che è stato inserito sul Play store e credo di essere in grado di trarre delle conclusioni.

Una delle prime persone che ho invitato a ad utilizzare Hangouts è stato un utente con iPhone. La prima cosa che mi ha detto è stata: ” uguale a whatsapp”, e vi dirò che in principio l’ho pensato anch’io, ma successivamente ho cambiato idea. Confrontiamo le due applicazioni punto per punto:

Graficamente: apparentemente la grafica è identica. Stessa posizione del tasto delle emoji ad esempio.

Utilizzabilità: se c’è una cosa che ho sempre adorato in Gtalk, ed ora in Hangouts, è il fatto di poter, con uno swype, accedere alla lista conversazioni e quindi cambiare molto più rapidamente interlocutore rispetto a whatsapp dove devo tappare in alto a sinistra.

Funzionalità: prima di tutto si possono fare chiamate e videochiamate, anche di gruppo. Hangouts permette inoltre di avere le solite notifiche di digitazione da parte dell’interlocutore e l’ultimo messaggio letto. Carina anche la creazione di album privati su g+ con le foto scambiate durante le conversazioni, anche se comporta qualcosa che tratterò più avanti.

Multipiattaforma ed utilizzo su più device: qui secondo me c’è il meglio di Hangouts. A parte il fatto di andare su android e su ios, quello che è l’aspetto principale è che non c’è il limite di un solito dispositivo su cui installare il programma come whatsapp. Sinceramente quella è una cosa che non mi è mai andata giù. Utilizzo svariati dispositivi differenti tra tablet, computer e smartphone, perché se sono al computer devo prendere lo smartphone per rispondere? Idem per il tablet (dove anzi whatsapp non può essere installato se non si ha lo slot per la sim). Qui c’è anche uno dei punti di debolezza di Hangouts infatti per utilizzare la versione per PC occorre avere chrome, cosa che sinceramente non mi piace per niente. Sarebbe stato meglio fare qualcosa di web (magari non legato ad altri prodotti google). Spero Cmq che qualcuno sviluppi qualche addon anche per Firefox. È ottimo anche il fatto di non perdere più la cronologia delle conversazioni, indipendentemente dal dispositivo dal quale si accede a Hangouts, tutte le conversazioni sono sempre dove sei tu.

Prezzo: Gratis.

Dubbi: ci sono però alcune cose in dubbio. Se Hangouts è strettamente collegato a gli altri servizi google (g+ in primis), in questo caso la cosa potrebbe essere controproducente in termini di utenti potenziali. E il discorso “ricerca” degli utenti. Hangouts richiede il numero di telefono quando lo si avvia (anche se si può skippare, avrebbe dovuto essere obbligatorio per quanto mi riguarda) quindi suppongo che la ricerca avvenga in base ai numeri presenti all’interno della rubrica oltre che a quelli legati all’account google.

Conclusioni: Di sicuro dal punto di vista funzionale Hangouts non ha niente da invidiare a whatsapp, anzi.. Il problema che credo si verificherà, ma spero di sbagliarmi, è se riuscirà a portare a se tanti utenti non legati ad altri servizi google o meno. Alla fine quello che è stato il punto di forza di whatsapp è proprio questo: essere un applicazione completamente indipendente da qualsiasi social.

E voi che cosa pensate della nuova app di google?

Aggiornamento:

Su iOS per l’installazione non richiede l’installazione di Google+ ma solo il login nell’account Google. Su Android comunque io non avevo installato G+ quando ho fatto l’aggiornamento verso Hangouts.


  • Articoli Recenti:

  • Tag

  • Categorie

  • Meta

  • Licenza Creative Commons

    Copyright © 2014, | ldlabs.org – Blog is proudly powered by WordPress All rights Reserved | Theme by Ryan McNair modified By Francesco Apollonio

    Smilla Magazine Il Bloggatore iwinuxfeed.altervista.org Feedelissimo - tecnologia WebShake - tecnologia